Quali sono le nuove prospettive per il mondo HR?

mondo hr

Maria Mauriello - Communication manager in Yumi

Quali sono le nuove prospettive per il mondo HR?

Il 2020 ha provato fortemente il mondo #people: lo racconta la rivista Fenews nel suo articolo: "Technology unlocks the potential of a hybridised workforce as digital transformation accelerates".

Il testo fornice un quadro sulle prospettive in questo settore: riporta, ad esempio, come l’87% dei leader delle risorse umane siano convinti che una tecnologia innovativa giochi un ruolo chiave nel cambiamento dei loro team.

Una forza-lavoro sempre più digitale necessita di un’evoluzione fondamentale nel settore; il 69% dei dirigenti sono convinti che la funzione delle risorse umane debba trasformarsi completamente. Deve portare vantaggi reali al 52% dei leader delle risorse umane che pensano più alla flessibilità che all’efficienza dei propri dipendenti.

Con la pandemia le aziende hanno compreso come il successo aziendale dipenda dal team e dalla forza di lavorare insieme, rispetto all’individualismo lavorativo. Nel 2021 le risorse umane avranno il ruolo di incoraggiare maggiormente il lavoro di squadra e la collaborazione. Questo cambiamento di rotta, ovviamente, riguarda anche l’aspetto tecnologico. Bisogna sottolineare, infatti, che senza Slack, Zoom e Teams, riunire i colleghi sarebbe risultato molto complicato.

Nel 2021 le risorse umane avranno il ruolo di incoraggiare maggiormente il lavoro di squadra e la collaborazione.

Altra argomentazione è il ruolo dell’AI nelle aziende: il nuovo anno sarà anche quello in cui il 47% dei leader investiranno sull’intelligenza artificiale. Essa riveste una funzione significativa di reclutamento di molte aziende, grazie alla sua naturale capacità di misurare ed analizzare tutte le conversazioni di lavoro, rilevando dei modelli predittivi.

E’ fondamentale, però, che l’intelligenza artificiale non venga imposta ai dipendenti; pertanto, il tema dell’inclusione dell’intelligenza artificiale sembra tutt'altro che risolto soprattutto perché legato a questioni in materia di privacy.

Qual è il ruolo di Yumi in questo?

Yumi abilita un cambiamento HR fornendo lo strumento perfetto per l'evoluzione dell'area people. Yumi permette di avviare processi di autoconsapevolezza tra le persone, di svilupparne le capacità, di monitorare in tempo reale i loro mood e le competenze agite. Tutto costruito però attorno all'utente e non in maniera top-down.

E’ proprio la privacy ad essere al centro di Yumi: all’interno della piattaforma, infatti, l’anonimato è alla base di ogni interazione; gli utenti, quindi, hanno la possibilità di inserire i dati per il loro stesso beneficio e per contribuire al miglioramento dei colleghi.

Ciò che diviene imprescindibile è il contesto che permette l’aggregazione del dato della community in una logica di autodeterminazione del proprio percorso in azienda.

--

Se hai trovato interessante questo stralcio di articolo, potrebbero interessarti anche questi: