COME LAVORA L'ITALIA IN REMOTO? 
20 aziende lo hanno studiato per 4 settimane con una piattaforma data-driven.

SCARICA IL REPORT!

Per migliorare il lavoro del tuo team, lavora prima su te stesso!

22/12/2020
Maria Mauriello
Persone che fanno Team su una montagna

Maria Mauriello - SMM in Yumi

Quante volte ti sarà capitato, durante la stesura del tuo curriculum vitae, di inserire tra le competenze, la caratteristica di “teamworking”?

Sai, però, cosa significa?

Quando si parla di team, spesso, si fa riferimento ad un gruppo di individui: questo è un modo semplicistico di interpretare il “lavoro di gruppo” portando ad escludere, pertanto, elementi imprescindibili che il termine stesso contiene, come ad esempio, le personalità e le competenze dei singoli.

L’articolo di Jennifer Porter ci fornisce, però, un puntuale aiuto a fare maggiore chiarezza sul tema:
To improve your team, First Work on Yourself” HBR - Harvard Business Review.

In breve, questo articolo è una retrospettiva sulla gestione del team che si risolve in tre capacità fondamentali da parte del leader:

  1. AUTOCONSAPEVOLEZZA INTERNA

  2. AUTOCONSAPEVOLEZZA ESTERNA

  3. RESPONSABILITA' PERSONALE

AUTOCONSAPEVOLEZZA INTERNA

È il proprio corredo intimo, tutto ciò che concerne la “narrativa interiore”, il perentorio invito di Socrate, quel “conosci te stesso” utile nel comprendere prima noi stessi e poi gli altri.
L’autoconsapevolezza diventa un esercizio quotidiano, un invito alla messa in discussione personale, un costante allenamento con lo scopo di osservare con obiettività i propri comportamenti e, quindi, riuscire a gestire le nostre emozioni in modo proattivo nel rapporto con gli altri.
Non a caso, lo psicologo David Goleman ci illustra come alla base dell’intelligenza emotiva ci sia l’autoconsapevolezza, ovvero sia, quella particolare predisposizione nel capire come le proprie emozioni influenzino le nostre decisioni, aspettative ed atteggiamenti.

AUTOCONSAPEVOLEZZA ESTERNA

È l’impatto che il nostro modus operandi ha sugli altri: riconoscere ed identificare, ad esempio, comportamenti personali scarsamente produttivi che, di conseguenza, arrecano effetti negativi sul team.
In questa fase, fondamentale è la richiesta di un feedback, un “consiglio” puntuale e preciso ai nostri colleghi per ottenere risultati accurati sull’impatto delle nostre azioni con il fine di migliorarle.

RESPONSABILITA' PERSONALE

Riconoscere di essere responsabile dell’inefficacia di un team porterebbe una moltitudine di vantaggi nel gruppo: assumersi, infatti, la responsabilità personale nel risolvere un problema è un piccolo cambiamento di mentalità che conduce al miglioramento della gestione della controversia e ciò gioverebbe sia a livello personale sia a livello di team.

In definitiva, all’interno di un gruppo, dinanzi a delle difficoltà dovremmo adottare i seguenti atteggiamenti:

  1. Guardarsi dentro per capire cosa scatena la propria reazione riguardo una determinata situazione (Autoconsapevolezza interna);
  2. Considerare l’impatto che le nostre decisioni hanno sugli altri (Autoconsapevolezza esterna);
  3. Imparare a fare una scelta consapevole per migliorare i risultati del team (Responsabilità personale).

Le tre capacità sopradescritte convergono, quindi, verso il raggiungimento di un medesimo obiettivo da parte del team migliorando l’efficacia e il funzionamento dell’organizzazione e, infine, consentendo di svolgere il proprio lavoro al meglio.

Essere un team significa far parte di un gruppo in cui viene apprezzata ogni individualità e in cui la condivisione di conoscenze e metodi ne è il fondamentale traino alla produttività.

Ciò che, però, è realmente produttivo non è, pertanto, l’imposizione personale quanto piuttosto il confronto che si esplica in una parola di conforto, di complimento o di consiglio.

Perché in Yumi questo articolo è piaciuto molto?

Tali accorgimenti sono i principali protagonisti della piattaforma Yumi di continuous nudging.

Crediamo fortemente nell’awareness personale come fondamentale leva nella costruzione di team di successo.

Attraverso l’utilizzo di Yumi, infatti, l’individuo aumenta l’autoconsapevolezza interna ed esterna con l’aiuto di meccaniche peer-to-peer basate sul nudging .

--

Se hai trovato interessante questo articolo, potrebbero interessarti anche questi:

Yumi è una piattaforma di continuous nudging che aumenta la misurazione, l'engagement e lo sviluppo personale dei team di lavoro in azienda

Aiuta le persone a chiedere e ottenere consigli sulle proprie interazioni in maniera semplice e spontanea. 

E permette all’azienda di capire in ogni momento che aria tira.
RICHIEDI UNA DEMO
Seguici !

Yumi è un marchio di Feedback Loop srl | Corso Sempione 15/A - 20145 Milano (Italia) 
Partita IVA e Codice Fiscale: IT 10109780964 | R.E.A. 2505840
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram