Le 6 realtà italiane che promettono di aiutarci a superare la “fatica pandemica”.

Sono Paolo Raineri, Chief Digital Officer di Yumi, piattaforma digitale che aiuta le organizzazioni ad aumentare l’ingaggio e la performance della propria community. 

Sono il coordinatore del progetto Facing Pandemic Fatigue.
Assieme con altre 5 realtà italiane, abbiamo avviato un progetto a contrasto della “fatica pandemica” (il burn out che tutte le persone stanno provando e che porta molta gente a non seguire più le norme che ci proteggono dalla pandemia). 

Il progetto ha due obiettivi:

- potenziare la capacità delle persone al lavoro di leggere quello che gli accade intorno e a sviluppare le competenze di resilienza e gestione dello stress;

- analizzare dati oggettivi e granulari su un tema al momento poco studiato



Sono proprio le persone che ci interessano di più: il 2020 è stato un anno complesso che ha messo sotto pressione tutti! L’OMS ha posto l’attenzione sulle variabili che generano la fatica pandemica e ha chiesto ai governi di compiere 4 azioni concrete per supportare i propri cittadini:

    Understand: analizzare i dati che portano alla fatica pandemica e comprendere come poter agire per combatterla;

    Engage: far sentire le persone parte della soluzione e non parte del problema;

   Acknowledge: riconoscere e far riconoscere la fatica pandemica. Far sì che sia un argomento conosciuto e fare in modo che le persone si rendano conto di trovarsi un uno stato di “burn out” come primo passo per poterlo superare;

   Let them Live: adattare regole, infrastrutture e processi in modo che i cittadini possano uscire di casa e non siano costretti in una sorta di lockdown permanente.
Secondo l’OMS, che ha studiato le emozioni dei cittadini del mondo, più del 60% di noi soffre di pandemic fatigue, un malessere generalizzato dovuto alle restrizioni imposte dalla diffusione del Covid-19.

L’OMS indica le tre macro-variabili che hanno subito un peggioramento e che, conseguentemente, ci portano ad accusare l’effetto di questa pandemia:

- Il contesto in cui viviamo, con incertezze su: salario, luogo di lavoro, accesso ai servizi...

- Le competenze individuali messe alla prova nella nuova situazione: consapevolezza, competenza sanitaria, autonomia personale...

- Le motivazioni individuali, minate da emozioni negative quali: fiducia verso il prossimo, noia, solitudine, noncuranza...
Il progetto “Facing Pandemic Fatigue” ha l’obiettivo di supportare lavoratori ed organizzazioni nell’adottare comportamenti migliori nel nuovo contesto.
In che modo?

Attraverso un progetto di ricerca che unirà l’uso di tecnologie digitali al mondo dell’analisi dei dati. Il progetto chiede alle aziende italiane di candidare alcuni loro team di lavoro. Le persone utilizzeranno per 3 settimane un’app di digital nudging - una nuova metodologia con cui le persone si scambiano consigli e suggerimenti mai prescrittivi nè giudicanti per compiere scelte migliori - e analizzeranno il loro stato d’animo, le competenze ed i comportamenti al lavoro. Un modo per raccogliere una incredibile quantità di dati granulari investendo solo pochi minuti al giorno per ogni utente. Inoltre il laboratorio DigITA4Good dell’Università di Pavia e Smartive Srl analizzeranno il contesto aziendale e l’apertura al mondo digitale con strumenti di survey (questionari) e interviste qualitative.
Quando? 

Per tre settimane (dal 19 aprile al 30 aprile). Con un evento finale di divulgazione dei dati raccolti nei primi giorni di giugno.
Chi?

Questo “osservatorio” è sulla buona strada per essere il progetto di analisi della fatica pandemica più granulare di Europa.

Organizzato da un comitato promotore costituito da:
Smartive
Offre l’uso gratuito del tool Smartive map con cui si indagheranno le caratteristiche del contesto organizzativo.
Linkalab logo
Analizzerà i dati del progetto con tecniche avanzate di Network analysis.
Talent garden Logo
Supporterà il Progetto e la sua comunicazione e supporter l’organizzazzione dell’evento di comunicazione finale.
istud
Coinvolgerà il network delle imprese associate e supporterà il progetto di sensibilizzazione al tema e alla valorizzazione degli analytics ai fini della presa di decisioni aziendali e delle possibili ricadute in chiave formativa.
Digita4good logo
Laboratorio dell’Università di Pavia che seguirà analisi e ricerche scientifiche analizzando l’impatto del mondo digitale sulle persone.
yumi logo
Offre l’uso gratuito dell’app di employee experience technology basata sul concetto di continuous nudging data-driven.
A chi è rivolto?

Il progetto Facing Pandemic Fatigue si rivolge a imprese ed organizzazioni italiane che vogliano supportare i propri dipendenti, contrastare ed analizzare la condizione di pandemic fatigue interna alla loro comunità.

Il progetto fornirà poi i risultati a organizzazioni, privati ed istituzioni che vorranno avvalersene per compiere scelte concrete basate sui dati.
Call to action per le imprese.

Candida la tua azienda per poter partecipare: 
Scopri di più
CONTATTI

Paolo Raineri - Coordinatore di progetto - paolo.raineri@yumi.network
+39 339 749 76 97